Mauro Sarti

Sono un giovane nato ‘anta’ anni fa a Bologna, città in cui ha avuto origine la mia formazione artistica.
Dopo aver frequentato l’Istituto d’Arte e dopo un’esperienza ventennale come designer e responsabile della progettazione nel settore degli allestimenti fieristici, la passione per i lavori artigianali mi ha preso la mano, la testa e il cuore.
Nel 2007 ho deciso di compiere il grande salto: ho lasciato un lavoro fisso e sicuro per cominciare a fare l’artiere.
La curiosità per la lavorazione del legno e l’amore per gli oggetti fatti a mano mi hanno spinto ad acquistare un vecchio tornio con il quale ho iniziato a sperimentare. Nel mio laboratorio taglio, foro, incollo, innesto, modello, levigo e lucido legni provenienti da ogni parte della Terra; combino essenze rare ed esotiche ma anche resine, metalli dolci e altri materiali.
Questo impulso di cambiamento della mia vita professionale è stato fortemente rincuorato da un motto, che mi segue da tempo: “Diventa ciò che sei”. Dapprima sono nate le trottole: piccoli ma preziosi oggetti magici realizzati in legno e in altri elementi che si inseriscono nel mercato del collezionismo di lusso. Ogni oggetto è un pezzo unico, nessuno è uguale all’altro.
La trottola é per me una metafora della vita. La terra gira e non cade, la trottola gira e non cade. Quello che gira non cade. Così a volte credo che nella danza della trottola non ci sia morte. E che Dio sia il danzante.

Nel mondo degli artigiani sono conosciuto come ‘il trottolaio di Bologna’. Quello del trottolaio è un mestiere dalle origini remote. La trottola può essere considerata come uno dei giochi più antichi, un gioco presente in tutto il mondo e in tutte le civiltà conosciute. Nelle più antiche tombe etrusche sono state rivenute numerose trottole, simboli di rinascita.
Poi è arrivato il momento dei gioielli, dei piccoli complementi d’arredo, degli accessori per l’uomo, per la persona e per la casa. Anch’essi oggetti unici e preziosi, realizzati uno ad uno interamente in modo artigianale. Ogni oggetto è per me un’occasione di espressione e concretizzazione di un pensiero, prima attraverso il disegno e poi nella realizzazione del prodotto.
Ogni materiale che entra nel mio laboratorio non è lo stesso quando lo lascia; da quel materiale può nascere una trottola, un gioiello, un oggetto. E’ la meraviglia di una persona che trasforma la materia in una cosa, la meraviglia dell’artigianalità. Alcuni negozi, bookshop di gallerie d’arte e musei italiani ed esteri mi hanno dato fiducia, esponendo le mie creazioni e credendo in questa unione tra tradizione e design. Quanta gioia sapere che centinaia di questi oggetti, piccole parti di me, sono sparsi per il mondo e, chissà, forse anche ora una delle mie trottole sta trasformando la sua danza in gioia e sorrisi per qualcuno.

Ciò che è destinato a te troverà il modo di raggiungerti